LE GUIDE PRATICHE

BUSINESS PLAN
PER START-UP

Tutto quello che devi sapere sui prezzi

Le 4 variabili che determinano il prezzo

1

complessità

Maggiore è la complessità del business in cui opera l’azienda, maggiore sarà la complessità del business plan

Cosa determina la complessità?

NUMERO DI FAMIGLIE DI PRODOTTI E SERVIZI VENDUTI

Ad esempio: se la mia impresa vende assicurazioni (una tipologia di servizi) avrà una complessità inferiore ad un’impresa che vende assicurazioni e consulenza finanziaria.

NUMERO DI FAMIGLIE DI PRODOTTI E SERVIZI VENDUTI
AREE DI BUSINESS IN CUI OPERA L’IMPRESA

Se ad esempio ho un bar, l’azienda opera in un’area di business; se invece ho un bar-ristorante, l’azienda opera in 2 aree di business diverse; se ho un hotel bar e ristorante, l’impresa opera in 3 aree di business.

Ogni area di business infatti è una piccola impresa con servizi, prodotti e tipologia di clientele diversi, ricavi e costi diversi, investimenti diversi e organizzazione diversa.

AREE DI BUSINESS IN CUI OPERA L’IMPRESA
DIMENSIONE DELL’INVESTIMENTO

La dimensione dell’investimento impatta sul Prezzo del business plan per 3 motivi:

  1. Il primo motivo è che se il business plan riguarda una startup il cui investimento è basso (esempio inferiore a 100K euro) il Prezzo di un business plan professionale impatterà maggiormente rispetto ad un investimento di 500K euro.
    Quindi il professionista cercherà anche di “venire incontro” all’imprenditore nel caso di un business plan con un investimento molto piccolo, per aver minore impatto sui costi sostenuti dal neo imprenditore.
  2. Il secondo motivo è che, in linea generale, maggiore è l’investimento e maggiore è la complessità del business plan. Esempio: un business plan di un investimento di 500K avrà più voci di costo, ricavo ed investimento rispetto ad un business plan di 100k quindi sarà più complesso da redigere
  3. Il terzo motivo è che l’interesse del cliente ad avere un massimo grado di dettaglio e professionalità del business plan (e cioè un minor rischio dell’investimento) è proporzionale all’investimento sostenuto.
DIMENSIONE DELL’INVESTIMENTO

2

CONSULENTE

Il consulente scelto per la redazione del business plan.

Cosa determina il consulente?

Il GRADO DI SPECIALIZZAZIONE

Un consulente specializzato sarà mediamente più caro e fornirà un business plan di maggiore qualità.

Avendo esperienza specifica nella redazione di piani industriali per diverse tipologie di business, apporterà al cliente le esperienze di business simili al suo ed un grado di profondità di analisi superiore.

Il GRADO DI SPECIALIZZAZIONE
LIVELLO DI PROFESSIONALITA’ ED ESPERIENZA

Un consulente con molti anni di esperienza e molti business plan/piani industriali redatti è in grado di redigere business plan di maggiore qualità e quindi mediamente più costosi.

LIVELLO DI PROFESSIONALITA’ ED ESPERIENZA
LIVELLO DI DETTAGLIO E PROFESSIONALITA’ DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Il “piano economico finanziario” è un piano pluriennale comprendente un conto economico, uno stato patrimoniale ed un rendiconto finanziario. Questi 3 possono essere fatti in modo molto diverso, molto semplice o più dettagliati.

Più è dettagliato il piano economico finanziario e maggiore è la sua qualità.

Se ogni tipologia di costo ed investimento viene analizzata in dettaglio avremo 2 vantaggi:

  1. il primo vantaggio è che il business plan sarà più realistico
  2. il secondo vantaggio è che il rischio di impresa sarà inferiore perchè ogni voce di costo, ricavo ed investimento è stata analizzata in modo più approfondito
LIVELLO DI DETTAGLIO E PROFESSIONALITA’ DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO
RICERCA DI MERCATO

La ricerca di mercato ha la funzione di rispondere a queste principali domande:

  1. Quali sono le caratteristiche del mercato in cui andremo ad operare?
  2. Come dobbiamo posizionarci nel mercato per essere il più competitive possibile?
  3. Quali sono i nostri concorrenti e che strategia dobbiamo avere per batterli o avere comunque degli elementi distintivi
  4. Il nostro prodotto è vendibile?

 

Per rispondere a queste domande dovremo cercare informazioni sul mercato, sui concorrenti e, se possibile, fare un test di mercato.

Tenendo conto che una ricerca di mercato professionale e dettagliata costa in media almeno 5k e un test di mercato (esempio un test per potenziali clienti) costa altrettanto, è ovvio che essendo il Prezzo medio di mercato di un intero business plan professionale di una startup di 3-5K euro, si dovrà scendere a compromessi.

Maggiore sarà l’investimento del cliente e maggiore sarà la professionalità del business plan.

RICERCA DI MERCATO

3

piano economico finanziario

LIVELLO DI DETTAGLIO E PROFESSIONALITA’ DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Il “piano economico finanziario” è un piano pluriennale comprendente un conto economico, uno stato patrimoniale ed un rendiconto finanziario.

Questi 3 possono essere fatti in modo molto diverso, molto semplice o più dettagliati.

Più è dettagliato il piano economico finanziario e maggiore è la sua qualità.

Se ogni tipologia di costo ed investimento viene analizzata in dettaglio avremo 2 vantaggi:

LIVELLO DI DETTAGLIO E PROFESSIONALITA’ DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO
PRIMO VANTAGGIO

Il business plan sarà più realistico.

PRIMO VANTAGGIO
SECONDO VANTAGGIO
Il rischio di impresa sarà inferiore perchè ogni voce di costo, ricavo ed investimento è stata analizzata in modo più approfondito.
SECONDO VANTAGGIO

4

SERVIZI AGGIUNTIVI

CONVIENE INVESTIRE?
Calcolo Roi e rischio/rendimento
CONVIENE INVESTIRE?
CERCO INVESTITORE
  • Valutazione dell’azienda per definizione quote
  • formazione contatti investitori
  • Pitch per investitori
CERCO INVESTITORE
HO UN INVESTITORE

Devo formalizzare una proposta

HO UN INVESTITORE
CERCO FINANZIAMENTO

Ricerca fondo di garanzia e bandi

CERCO FINANZIAMENTO
IL MIO PROGETTO E’ VALIDO?
  • Analisi con esperti del settore
  • TEst mercat ghost buyer
IL MIO PROGETTO E’ VALIDO?
BUSINESS PLAN ASSEVERATO
 
BUSINESS PLAN ASSEVERATO

COSA COMPRENDE il BUSINESS PLAN?

DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE
  1. Il cliente fornisce la descrizione del progetto imprenditoriale
  2. Questa viene rivista e migliorata, aggiungendo anche eventuali parti mancanti, per rendere più efficace e professionale il business plan
  3. Viene definita la descrizione del progetto imprenditoriale
DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE
DESCRIZIONE DEL TEAM PROPONENTE

Le informazioni del team proponente vengono fornite.

Queste vengono migliorate, aggiungendo eventuali parti mancanti per rendere più efficace e professionale il business plan.

DESCRIZIONE DEL TEAM PROPONENTE
DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI PRODOTTI/SERVIZI

Vengono fornite le descrizioni dettagliate dei prodotti e servizi.

Queste vengono migliorate, aggiungendo eventuali parti mancanti per rendere più efficace e professionale il business plan.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI PRODOTTI/SERVIZI
RICERCA DI MERCATO – INFORMAZIONI SUL MERCATO MERCATO
  1. Viene fatta una ricerca sulle informazioni relative al mercato.
  2. Viene formalizzata una ricerca di mercato coerente con il tipo ed il Prezzo del business plan
RICERCA DI MERCATO – INFORMAZIONI SUL MERCATO MERCATO
RICERCA DI MERCATO – INFORMAZIONI SUI CONCORRENTI
  1. Viene fatta una ricerca sulle informazioni relative ai concorrenti
  2. Viene formalizzata un’analisi dei concorrenti coerente con il tipo ed il prezzo del business plan
RICERCA DI MERCATO – INFORMAZIONI SUI CONCORRENTI
ANALISI SWOT
  1. Viene eseguita un analisi swot
  2. Viene formalizzata una strategia di risposta all’analisi swot
ANALISI SWOT
STRATEGIA E POSIZIONAMENTO
  1. Vengono analizzate tutte le informazioni precedenti
  2. Il cliente fornisce quella che è la sua strategia e posizionamento
  3. Viene fatto un confronto con il consulente
  4. Viene formalizzata la strategia definitiva ed inserita nel business plan
STRATEGIA E POSIZIONAMENTO
GO TO MARKET: COME ACQUISIAMO I CLIENTI

Definizione della strategia di acquisizione dei clienti

GO TO MARKET: COME ACQUISIAMO I CLIENTI
ORGANIZZAZIONE
  1. In base alla strategia ed investimenti previsti viene formalizzata l’organizzazione aziendale.
  2. Redazione organigramma
  3. Redazione piano operativo sintetico
ORGANIZZAZIONE
PIANO ECONOMICO FINANZIARIO
  1. Conto Economico Previsionale 
  2. Stato Patrimoniale Previsionale 
  3. Cash Flow (Rendiconto Finanziario) Previsionale 
PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Piano Economico Finanziario
- dettagli -

È una previsione a 3-5 anni (o più in casi specifici) di conto economico, stato patrimoniale e flussi di cassa, costruita applicando le strategie di mercato, prodotto ed organizzazione definite precedentemente.

Ricavi e margine di contribuzione

Cosa prevede?

  1. Definizione del modello di previsione dei ricavi
  2. Previsione delle unità di prodotto o servizio vendute

 

Esempio:
se ho un e-commerce preparerò un modello previsionale per e-commerce adattato al cliente.

Inserimento del piano di acquisizione dei clienti

Inserimento delle previsioni di mix di vendita e quantità di vendite in base alle conversioni.

Calcolo dei ricavi previsionali di vendita

Inserimento dei margini medi sulle vendite (Prezzo-costo del venduto)

Calcolo del margine di contribuzione

I Costi

Cosa prevede?

  • Previsione dei costi del personale
  • Previsione dei costi fissi
  • Previsione degli ammortamenti
  • Previsione degli oneri finanziari

I flussi di cassa

Cosa prevede?

  • Redazione dei flussi di cassa operative previsionali
  • Redazione dei flussi di cassa previsionali per investimenti
  • Redazione flussi di cassa previsionali per finanziamenti e rimborso finanziamenti

Stato Patrimoniale

Cosa prevede?

Previsione degli investimenti
Calcolo del capitale circolante (crediti client, magazzino e debiti fornitori)

STRATEGIA DI SVILUPPO
E CRESCITA

Cos'è

La formalizzazione delle strategie di sviluppo aziendale in seguito alla discussione dei risultati dell’analisi svolta.

Di cosa si compone

  • Strategia di mercato
  • Strategia di prodotto
  • Strategia organizzativa
  • Strategia economico finanziaria