La Strategia opportuna ed efficace per il tuo Business

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La strategia è ciò che dirige il tuo business dandogli una struttura e un indirizzo ben precisi. Non si tratta di trovare soluzioni immediate a situazioni di emergenza quali la perdita di un cliente o la scelta vincente di un competitor rispetto a un nuovo prodotto: questi sono modus operandi che vengono e possono essere determinati a breve termine. Al contrario, le scelte strategiche necessitano di una pianificazione a lungo termine e scaturiscono da un’analisi profonda dei dati a disposizione.

Il bravo imprenditore organizza la sua settimana in modo da ritagliarsi alcune ore per la pianificazione della strategia aziendale, un’attività che può essere vista un po’ come lavorare sull’azienda e non nell’azienda. Mentre la prima modalità richiede tempo e rielaborazione dei dati aziendali, la seconda può e deve essere portata a termine in fretta perché risponde alle esigenza e ai problemi quotidiani del tuo business.  

Ecco che cosa ti potrebbe aiutare nell’ottica di creare la tua strategia aziendale:

  1. Metti alla prova il tuo team con quesiti e problemi. Per esercitarsi a porre quesiti e abituarsi a risolverli è il punto di forza di una squadra che non guarda solo al presente, ma punta anche al domani. È anche un grande aiuto per l’imprenditore che può valutare una situazione in modo più oggettivo grazie al confronto con punti di vista diversi dal suo. Importante è esaminare ogni aspetto: cosa? Chi? Perchè? Dove? Quando? Ecco le domande a cui ti devi sottoporre ogni volta che prendi una decisione il cui impatto possa definirsi “strategico”.
  2. La strategia aziendale vincente si basa sull’analisi dei dati. L’innovazione si ottiene abbandonando i propri schemi mentali per individuare la miglior strategia aziendale. Insieme al tuo team progetta possibili vie alternative sulla base dello studio dei vantaggi e dei rischi: il cambiamento può determinare un periodo di assestamento, ma se interpretato come evoluzione è la chiave del successo.
  3. Analisi dei dati per uno sviluppo a lungo termine. Alcuni cambiamenti hanno un impatto immediato: infatti vengono per esempio rispecchiati da un’improvvisa crescita dell’azienda sul mercato o dall’acquisizione di nuovi clienti. L’analisi è invece un investimento in denaro e tempo che restituisce benefici solo a lungo termine, ma di carattere più duraturo e stabile in quanto pianificato e quindi raggiunto consapevolmente tramite l’adozione della giusta strategia aziendale. Una volta individuata, essa va trasformata in azione: non lasciare che problemi o dubbi nel tuo staff ti sviino dall’obbiettivo finale.
  4. Dati e informazioni aggiornati e oggettivi sono alla base di una strategia aziendale corretta.
    Dati oggettivi e completi devono essere il fondamento dell’analisi della tua strategia imprenditoriale. L’istinto e le decisioni prese di pancia hanno un ruolo e una loro importanza che va però limitata alle scelte operative in caso di crisi improvvisa o di un problema inaspettato. Le decisione strategiche necessitano invece di andare oltre la propria esperienza personale guardando cosa offrono i competitors, prendendo in considerazione i consigli degli esperti e i fallimenti sul mercato di riferimento. È importante imparare dai propri errori e da quelli dei concorrenti.
  5. Ogni strategia aziendale deve avere una valida alternativa. Ci sono variabili esterne che sfuggono anche alla migliore delle analisi: non dimentichiamoci che il nostro mercato cambia a una velocità sempre crescente dovuta allo sviluppo tecnologico in un mondo in cui la rapidità diviene la parola chiave. In un simile contesto, avere un piano B a portata di mano, studiato con tutta calma e progettato sulla base di dati e informazioni accurati, non può essere trascurato.
  6. L’ultima parola deve essere la tua. Saper ascoltare gli altri è un ingrediente essenziale per la riuscita del tuo business. Non dimenticare però che a prendere le decisioni sei tu e che il compromesso non è la soluzione vincente se non supportato da elementi oggettivi. La tua decisione non deve far piacere a nessuno, piuttosto deve rispecchiare l’analisi effettuata. Puoi metterti obbiettivi a più breve termine da raggiungere e verificarne poi la riuscita insieme al tuo team per aumentare il senso di partecipazione e la motivazione. Se il percorso verso la tua meta può essere valutato attraverso dei target intermedi, ciò ti aiuterà a modificare in corsa la strategia aziendale, se se ne verificasse l’esigenza.
  7. Una strategia aziendale deve essere condivisa e la sua attuazione necessita un’opera di pianificazione. Affinché una buona strategia, sia considerata tale e abbia un senso, deve essere accompagnata da un piano di comunicazione e attuazione ben specifico. È essenziale infatti che ogni singolo anello della catena sappia cosa è necessario fare, come farlo e chi è responsabile di cosa. Un buon imprenditore sa comunicare la strategia con tutte le sue tappe intermedie, stimolare il suo team a raggiungere degli obbiettivi e fare le eventuali modiche che mano mano si possono rendere necessarie.

Viviamo una situazione in cui fare business diventa sempre più complicato anche se supportato da analisi e da strategie: ciò è dovuto principalmente alla velocità in cui il mercato si evolve. In un panorama simile, aumenta l’importanza per l’imprenditore di dedicare il suo tempo alle decisioni strategiche e alla pianificazione della loro attuazione lasciando al suo team l’incarico di gestire le questioni quotidiane e di amministrazione a breve termine dell’attività aziendale.

Altri articoli